Ti parlo del Micio Colonnello!

Oggi avevo proprio voglia di raccontarti di quegli occhioni da pallina pelosa che compaiono ogni tanto sui feed o sulle mie storie di Instagram.
Sto parlando di Colonnello, il micino che si era fatto trovare in un cespuglio di rovi in un parcheggio, solo, miagolando aiuto un giorno come un altro, a un altro mercatino.

Voleva farsi prendere, ma allo stesso tempo esitava. Mi veniva un po’ incontro, ma se allungavo la mano tornava a nascondersi fra le foglie. Se provavo ad allontanarmi ricominciava a piangere.
Insomma, diventava una cosa lunga, e io dovevo tornare al mio banchetto, ma allo stesso tempo non potevo restare tranquilla!
Allora, tutta agitata, ho raccontato al mio ragazzo di lui, che per tranquillizzarmi mi ha detto che sarebbe andato a dare un’occhiata.

Ero comunque un po’ nervosa, scaricavo lo stress facendo due passi attorno alla bancarella.
Sono finalmente stata distratta da un cliente.

E poi però, con la coda dell’occhio, ho visto avvicinarsi uno scatolone con due gambe.
Da dietro, spuntava il viso sorridente del mio moroso. Da dentro si sentiva la stessa vocina che si era fatta spazio da dietro i rovi qualche minuto prima.

Non so che faccia io possa avere fatto, ma il mio ragazzo me ne parla sempre come l’espressione più bella che lui mi abbia mai visto fare. Io volevo piangere di gioia! Abbiamo dato da mangiare al piccolo e lo abbiamo accudito finché non si è addormentato. L’ho tenuto a dormire in braccio a me fino a sera, per tutto il resto della giornata, quando in fine lo abbiamo portata a casa con noi.
Perché potesse passare con noi il resto della sua vita.

E ora Colonnello come sta?

Direi come un gatto. Meglio che qualunque altro umano, probabilmente.
E’ proprio il mio micio, vuole bene solo a me, mi segue dappertutto.
Come ogni gatto che si rispetti è in ogni momento in cerca di attenzione. Ha imparato da poco a non sdraiarsi sul PC facendomi una confusione allucinante con i comandi. E’ da un po’ che non devo chiedere a Salvatore Aranzulla di dirmi come si sistema il casino che ha combinato.
Per contro non vuole rinunciare a sdraiarsi sui fogli mentre sto scrivendo, sul tablet mentre sto disegnando o sui libri mentre sto leggendo.

Ogni secondo che passo in casa so che c’è, è una presenza costante. Ho i suoi occhioni vigili azzurri sempre a scrutarmi. Può essere inquietante, ma è solo una richiesta di bacini e coccole.

Il mio ragazzo ha finito per essere geloso di lui, fra loro è sempre presente una appena palpabile aura di leggera rivalità. Ci penserò io a spezzarla, mettendomi in mezzo.
Non è poi tanto male un po’ di relax fra fusa da una parte e carezze dall’altra!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...