Un’aggiunta alla mia scrivania

Per mia fortuna ho una memoria niente male. Abbastanza da riuscire a tenere a mente gli impegni nonostante siano tanti e io non abbia un’agenda. Già, non ho un’agenda. O meglio, non l’ho avuta fino ad oggi, il giorno in cui ho deciso di metterla fissa sulla mia scrivania insieme ad un bel calendario e ad un foglio con una lista di cose che devo ricordarmi di fare tutti i giorni! Per mesi e mesi, nonostante i mille impegni, sono riuscita a organizzare i cessettini del mio cervello e tenere a mente tutto. Onestamente, non ho idea di come ho fatto, ma ci sono saltata fuori.

Un errore da principianti

L’ho fatto una volta, ed è stato anche troppo. Ricevere una richiesta che non era proprio nelle mie corde. Il progetto non mi piaceva per niente, il cliente voleva a tutti i costi che fosse fatto esattamente come voleva lui, non accettava consigli, modifiche, e negava ci fossero cose che non funzionavano quando cercavo di fargliele presenti per fare eventuali correzioni.

Mercatini in compagnia!

E sveglia presto, e carica la macchina, e un-due-tre-pronti?-via! per la prossima giornata di attesa dietro al banchetto del mercatino. Con qualche chiacchiera, certo, con i clienti e i vicini di gazebo, ma comunque sola soletta aspettando che passi il tempo. Peso come un macigno. Per fortuna non è sempre così però! Spesso ho con me il mio compagno di avventure e divertimenti!

Tenere un diario – Il Quaderno delle Ispirazioni

C’è un gioco meraviglioso. Un’abitudine che può dare tante soddisfazioni e permetterti di conservare moltissimi ricordi, se portata avanti con costanza. Fa si che tu possa tener traccia di te, di cosa hai pensato o provato, o cosa ti aspettavi dal futuro. E’ un esercizio che ti aiuta a conoscere te stessa oggi, e che in futuro ti permetterà di studiarti ancora meglio, facendoti rendere conto dei tuoi cambiamenti durante i mesi o gli anni.

Tecnologia o non Tecnologia?

Fino a solo un anno fa non avevo nemmeno uno “smaffo”. Avevo un telefonino coi tasti grossi per gli anziani, senza colori e senza l’internet, con tanto di tasto SOS al centro. Se lo tenevi premuto faceva un ululato ridicolo che assomigliava a una sirena  sotto una campana di vetro! Mi sono sempre considerata una… Continue reading Tecnologia o non Tecnologia?

Casa Arte e Casa Lavoro

La mia passione e il mio lavoro coincidono. Faccio quello che più amo, tutto il tempo.E’ stupendo, è un sogno. Ma bisogna ricordarsi che a volte può essere pericoloso. Pericoloso perché la parola “lavoro” rischia di papparsi la parola “passione”, lasciando al suo posto soltanto quello. Io non voglio che diventi così, voglio che loro… Continue reading Casa Arte e Casa Lavoro